Appunti di poesia: Alda Merini

Forse bisogna essere morsi
da un’ape velenosa
per mandare messaggi
e pregare le pietre
che ti mandino luce;
per questo io sono scesa
nei giardini del manicomio
per questo di notte saltavo
i recinti vietati
e rubavo tutte le rose
e poi…
prima di morire al mio giorno
o notte, o lunga notte
di solitudine assente,
o devastati giardini
dove io sola vivevo
perché l’indomani sarei
morta ancora di orrore
ma la sera, oh la sera
nei giardini del manicomio
a volte io facevo all’amore
con uno disperato come me
in una grotta d’orrore.

Tratto da La terra santa,1984

Annunci

Autore: L'Altrove - Appunti di poesia.

Tutto sulla poesia: eventi, poesie scelte, appuntamenti di reading, interviste, concorsi di poesia, uno spazio per i giovani autori e tanto altro

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...